Allplan 2016

Note versione

Generale

Grazie alla elaborazione e alla correzione di diversi messaggi pervenuti dal Quality Reporter, la stabilità di Allplan è stata aumentata.
La dimensione documento (che viene definita con lo strumento hotline "docsize") ora può essere impostata fino a un massimo di 1 GB.

Setup e concessione licenza

Nuova procedura di concessione licenza via Product Key.
Import migliorato dei singoli quadri da un backup del progetto.
Gestione dati migliorata per le future Service Release rilasciate via Autoupdate.
Gestione migliorata degli attributi utente con determinate licenze internazionali.
Messaggi Autoupdate migliorati.
Installazione via Autoupdate migliorata dopo il riavvio del computer.

Palette Library

Palette Library con gerarchia piatta: tutti le tipologie di elementi libreria (simboli, SmartParts, macro) possono essere salvate in una cartella unica.
La gerarchia piatta vale per le librerie di tutti i paths (standard, progetto, privato e ufficio).
I simboli e le macro vengono salvati come singoli files SYM oppure NMK.
I cataloghi di simboli ZSY delle versioni precedenti sono stati esplosi in singoli files in formato SYM.
I cataloghi macro OM* delle versioni precedenti sono stati esplosi in singoli files macro in formato NMK.
Simboli e macro possono essere salvati con risorse.
Le funzioni di base per creare, rinominare, copiare, incollare e cancellare sono state unificate.
Il livello gerarchico "Simboli testo" è stato rimosso. I simboli di testo delle versioni precedenti vengono convertiti come simboli normali.
Gli elementi libraria sono riconoscibili velocemente all'interno della palette grazie a delle icone specifiche.
La tipologia di elemento e la data di creazione vengono rappresentati nel loro quickinfo.
Il filtro delle librerie è stato ampliato. Le singole tipologie di elemento (simboli, SmartParts e macro) possono essere mostrate e/o nascoste.
Dopo un upgrade vengono mantenuti i paths esterni definiti nelle versioni precedenti.
I simboli della cartella standard sono stati ristrutturati.
La selezione dei simboli è stata riprogettata anche per le funzioni che consentono l'impiego di simboli come profili (ad esempio funzione "Pilastro").
Quando si utilizzano funzioni con selezione pre-filtrata degli elementi libreria, le cartelle vuote vengono nascoste automaticamente.
È possibile effettuare ricerche in tutte le librerie (partendo dalla cartella in cui è stata avviata la ricerca).
Prima di scomporre i cataloghi simboli e macro in singoli files, nella cartella TEMP viene creata una loro copia di backup come file BAK.
A seguito di un upgrade, le cartelle dei progetti che avevano lo stesso nome vengono raggruppate in una cartella unica.
Nella palette "Library" è stata inserita una nuova icona "Info" per la dimensione del carattere.
Le cartelle della libreria possono essere aperte direttamente in Windows Explorer via menu contestuale (ad eccezzione della cartella "Standard").
Per le funzioni che utilizzano elementi libreria, la selezione del filtro è limitata ai soli elementi idonei. A titolo di esempio, la funzione "Finestra" propone solo SmartParts e macro.
I testi di alcune funzioni di modifica speciali della palette "Library" sono stati adeguati.
I nomi dei simboli della palette "Library" ora possono essere più lungi di 32 caratteri.
Gli elementi libreria e le cartelle possono essere spostati direttamente nella palette "Library" (via "Taglia & Incolla").
Seleziona multipla degli elementi libreria.
Gli elementi libreria possono essere ordinati alfabeticamente in ordine crescente e decrescente.
Gli elementi libreria possono essere ordinati per data in ordine crescente e decrescente.
Le cartelle vuote possono essere nascoste.
Il dialogo delle "Opzioni" è stato migliorato.
Seleziona multipla delle cartelle nella palette "Library"
Se il path di un gruppo / di una cartella è troppo lungo, appare un avviso corrispondente.
La ricerca può essere affinata durante la ricerca inserendo altre lettere.
La gestione dei simboli e delle macro via ProjectPilot non è più necessaria ed è stata pertanto rimossa.
Le cartelle possono essere ordinate.
In Allmenu è stata rimossa la selezione della lingua dei simboli standard. I nomi dei simboli si adattano automaticamente cambiando la lingua del programma.
Durante la ricerca non vengono visualizzati i nomi completi dei percorsi (nomi accorciati).

Ulteriori novità
Tutti gli elementi del path standard ora sono salvati nella cartella ETC. Non esiste quindi più la cartella speciale STD\SYM.
Dopo l'upgrade i simboli e gli SmartParts vengono salvati in cartelle speciali.
È possibile creare un numero qualsiasi di sottocartelle.
Il nome del path (cartelle e sottocartelle) non può tuttavia essere più lungo di 180 caratteri.
I caratteri riportati di seguito non sono ammessi come nome degli elementi libreria oppure delle cartelle:
- / \ : " ? *> < l "

Object navigator

La nuova palette a oggetti ("Object navigator") elenca tutti gli elementi / oggetti di tutti i quadri correntemente caricati (status corrente, attivo sullo sfondo e passivo).
La visibilità viene gestita con la sola pressione di un'icona. È quindi, ad esempio, possibile invertire la selezione, mostrare / nascondere gli oggetti attivi oppure tutti gli oggetti, attivare oppure disattivare tutti gli oggetti.
Individuazione veloce degli oggetti nell'area disegno grazie alle funzionalità di zoom sul singolo oggetto oppure su tutti gli oggetti attivi.
La palette dispone di quattro criteri di ordinamento predefiniti: "ordinati per struttura opera (topologia)", "ordinati per quadro", "ordinati per layer" e "ordinati per materiale".
Oltre alla selezione del criterio di ordinamento predefinito è anche possibile personalizzare la sequenza di ordinamento.
Gli oggetti dei livelli struttura opera possono essere raggruppati e ordinati alfabeticamente.
Raggruppamento per quadro e ordinamento alfabetico. Lo status del quadro può essere cambiato.
Raggruppamento e ordinamento alfabetico per layer: è possibile cambiare lo status e la visibilità dei layer.
I layer elencati possono essere cambiati oppure ri-assegnati ad altri gruppi di layer via drag & drop oppure mediante "Taglia & Incolla" dal men contestuale.
Raggruppamento e ordinamento alfabetico per materiale; gli oggetti senza materiale vengono assegnati ad un gruppo speciale.
I materiali elencati possono essere cambiati oppure ri-assegnati ad altri gruppi di materiale via drag & drop oppure mediante "Taglia & Incolla" dal menu contestuale.

Finestra grafica

La finestra grafica può essere sganciata dalla finestra applicazione Allplan e trascinata su un altro monitor.
Le finestre con NDW liberi possono essere sganciate dalla finestra applicazione Allplan e trascinate su un altro schermo.
Le finestre grafiche possono essere riagganciate alla finestra applicazione Allplan.
Le finestre con NDW liberi possono essere riagganciate alla finestra applicazione Allplan.

Interfacce

Interfaccia ODX
Gli XRefs liberi (DXF, DWG) vengono mostrati in anteprima.
I files esportati possono essere rappresentati come immagine di anteprima.
L'export di determinate macro con oggetti 3D e riempimenti è stato migliorato.
L'export delle linee di misura in formato DGN è stato migliorato.
L'opzione "Test file durante l'import" è ora impostata come impostazione predefinita.
L'export di un file DGN ora avviene con tabella colori MicroStation.
Durante l'import di un file DWG con ripartizione "layer su quadri" non vengono più creati gruppi elemento.
Gli attributi definiti per un elemento contenuto in un file DWG ora vengono importati con la dimensione testo corretta anche nei casi speciali.
I files immagine ora vengono importati indipendentemente dalla lunghezza del nome del file DWG.
Export migliorato dei cerchi e delle ellissi specchiate quando si utilizza il preferito di scambio numero 1.
I layer nascosti possono essere nuovamente esportati con l'opzione "Layer invisibili - esporta".
Durante l'export DWG è stato migliorato il trasferimento dei documenti con retini esplosi.
I testi sottolineati vengono nuovamente considerati durante l'export esploso in formato DWG (ad esempio con il preferito di scambio 1).
Durante l'export DGN (ad esempio con il preferito di scambio 1) viene nuovamente considerato il fattore di scala.
I testi indipendenti dalla scala (ad esempio quelli delle legende) vengono nuovamente trasferiti nella dimensione corretta.
Gli stili etichetta con cornice vengono nuovamente esportati correttamente in formato DWG.
L'elenco di selezione dei menu pulldown dei preferiti di scambio è stato ampliato.
Durante l'export come dati 2D, le macro porta ora vengono trasferite con coordinate Z uguali a zero.
Durante l'export in DGN la dimensione del carattere degli attributi viene trasferita nuovamente in modo corretto.
Durante l'import con offset, gli elementi vengono nuovamente rappresentati completamente.
Durante l'export in DGN, gli elementi esplosi ora vengono creati come gruppi elemento (in modo analogo al DXF/DWG).
I simboli di delimitazione delle linee di misura e le linee di estensione ora vengono trasferite correttamente in formato DGN anche nei casi speciali.
Se durante l'import di un file DXF/DWG il sistema riconosce che i dati sono in coordinate elevate, il programma mostra immediatamente un dialogo per procedere all'adeguamento delle coordinate.

Interfaccia IFC
I solidi 3D con attributo "IFC object type" = "IfcSite" ora vengono esportati in formato IFC.
Durante l'export IFC delle pareti multistrato ora vengono trasferiti tutti gli attributi.
I files IFC con caratteri speciali nel nome del file (ad esempio accenti) ora vengono trasferiti con il nome corretto nel file header.
Le aperture con IFC Object Type "IFCCURTAINWALL" ora vengono esportate anche in IFC.
L'export IFC delle aperture sotto livelli arcuati è stato migliorato.
L'import delle travi a sbalzo con "Importa dati IFC" è stato migliorato.
Durante l'import di determinati files IFCXML contenenti aperture, i corpi delle aperture vengono estrusi e, se necessario, corretti.
L'export IFC delle pareti con superfici multiple è stato migliorato.

Modellatore 3D

Il kernel di modellazione leader mondiale PARASOLID di Siemens è stato integrato in Allplan 2016.
Nuovi oggetti cerchio 3D e arco 3D.
Nuovo oggetto spline 3D.
Cerchi/archi 3D modificabili via grips e campi d'immissione.
Spline 3D modificabili via grips.
Cerchi/archi 3D modificabili via palette "Proprietà".
Spline 3D modificabili via palette "Proprietà".
Le sfere ora sono delimitate da curve.
I cilindri ora sono delimitati da curve.
Sfere modificabili via grips e campi d'immissione.
Cilindri modificabili via grips e campi d'immissione.
Nuovi oggetti solidi 3D e superfici 3D generali.
Palette "Proprietà" per i nuovi oggetti solidi 3D e superfici 3D generali.
Funzione "Estrudi" con anteprima piano lavoro.
Funzione "Estrudi" con nuova opzione per creare nuovi elementi.
"Estrudi" consente di estrudere una superficie piatta da un elemento arcuato estruso.
Nuova funzione "Modifica distanza spigolo" per solidi 3D e superfici 3D poligonali.
Nuova funzione "Rivoluzione".
Nuova funzione "Estrudi lungo percorso".
Nuova funzione "Loft".
Nuova funzione "Rail sweep".
Nuova funzione "Smussa spigolo".
Nuova funzione "Raccorda spigolo".
Funzione "Parallela" migliorata per le linee 3D e le curve 3D.
Funzione "Unisci linee in polilinee" utilizzabile anche per le linee 3D.
Funzione "Scomponi polilinee in linee singole" utilizzabile anche per le linee 3D.
Funzione "Estendi" utilizzabile anche per le linee 3D.
Funzione "Smussa" utilizzabile anche per le linee 3D.
Funzione "Raccorda" utilizzabile anche per le linee 3D e le curve 3D.
Filtro elementi ampliato con i nuovi elementi cerchio/arco 3D, spline 3D, solido 3D generale, superficie 3D generale.
Cerchi/archi 3D e spline 3D possono essere convertiti in poligoni con "Converti elementi".
Solidi 3D e superfici 3D generali possono essere poligonizzati con "Converti elementi".
Cerchi e archi 2D possono essere convertiti in cerchi 3D.
Le spline 2D possono essere convertite in spline 3D.
Funzione "Piano taglio solido 3D" utilizzabile anche per linee 3D, poligoni 3D, cerchi/archi 3D e spline 3D.
Funzione "Piano taglio solido 3D" utilizzabile anche per solidi 3D e superfici 3D generali.
Cerchi 3D e spline 3D possono essere muniti di attributi.
Elementi 3D con curve modificabili con le funzioni booleane.
Elementi 3D con curve rappresentabili nelle viste e sezioni associative.
Elementi 3D con curve rappresentabili nella sezione architettonica e nel calcolo hidden.
Solidi 3D e superfici 3D generali possono essere muniti di attributi architettonici come la campitura, l'opera oppure il materiale grazie alla funzione "Modifica proprietà generali architettura".
Le macro possono contenere solidi 3D e superfici 3D generali.
I gruppi elemento possono contenere solidi 3D e superfici 3D generali.
I solidi 3D e le superfici 3D vengono esportati in CINEMA 4D.
I solidi 3D e le superfici 3D vengono esportati in PDF 3D.
I cerchi/archi 3D vengono esportati in Rhino come curve.
Le spline 3D vengono esportate in Rhino come curve.
Cerchi/archi 3D di Rhino vengono importati come curve.
Le spline 3D di Rhino vengono importate come curve.
I cerchi 3D vengono esportati in CINEMA come curve.
Le spline 3D vengono esportate in CINEMA 4D come curve.
I cerchi/archi 3D di CINEMA 4D vengono importati come curve.
I cerchi/archi 3D di AutoCAD vengono importati come curve.
Le spline 3D di AutoCAD vengono importate come curve.

Architettura

Migliorie generali
Nella barra strumenti "Assistente filtri" le proprietà elemento sono state ampliate con il nuovo filtro "Riempimenti" che consente di filtrare i riempimenti avanzati con sfumature.
Nel menu contestuale degli elementi "Gruppo vani" e "Piano" ora vengono proposte anche le corrispondenti funzioni di modifica "Modifica gruppo vani, piani" e "Etichetta gruppo vani, piani".
La finestra dialogo "Sostituisci macro, SmartPart" è stata riprogettata; le diverse opzioni ora sono descritte in modo più chiaro.
A seguito dell'introduzione degli SmartParts finestra e porta, nelle future versioni la funzione "Macro finestra, porta" verrà rimossa. Avviando questa funzione viene pertanto mostrato un messaggio corrispondente.

SmartParts
Gli SmartParts finestra e porta con avvolgibile ora consentono di definire la posizione dell'avvolgibile. In questo modo ora è possibile impostare i parametri delle guide e dei cassonetti avvolgibile.
Gli SmartParts finestra ora contemplano anche le ante a ribalta.
Gli SmartParts porta ora dispongono anche delle ferramenta "Maniglia porta con rosetta" e "Pomello porta con rosetta".
Gli SmartParts porta ora dispongono della ferramenta "Maniglione antipanico".
Ora è possibile definire la distanza della maniglia finestra dal telaio inferiore in modo separato per ogni lato (importante per le costruzioni prive di barriere architettoniche).
Ora è possibile definire la distanza della maniglia dallo spigolo inferiore del pannello porta in modo separato per ogni lato.
Ora è possibile definire la distanza del maniglione dallo spigolo inferiore del pannello porta in modo separato per ogni lato (importante per la progettazione delle vie di fuga).
Per la rappresentazione in sezione delle finestre e delle porte (oltre ai tratteggi, ai retini e ai riempimenti) ora è possibile utilizzare anche gli stili area. Per la vista 2D e 3D sono disponibili impostazioni differenti.
Per la rappresentazione in sezione degli avvolgibili (oltre ai tratteggi, ai retini e ai riempimenti) ora è possibile utilizzare anche gli stili area (solo 3D).
Nelle impostazioni degli SmartParts ora è possibile definire come deve essere rappresentato uno SmartPart inserito in modo inclinato: è possibile selezionare fra la sua vista 2D (opzione attivata come impostazione predefinita) oppure la sua vista 3D proiettata in pianta (come avviene di solito in Allplan).
Le icone del davanzale finestra e della ferramenta sono state migliorate.
Le icone delle maniglie porta sono state migliorate.
La funzione "SmartPart oscurante" è stata migliorata.
La funzione "SmartPart porta, portone"' è stata ampliata con l'opzione di modellazione "Portone sollevabile".
Nel modulo "Generale: tetti, livelli, sezioni" ora si trova la nuova funzione per la modellazione degli "SmartPart lucernario".
Durante il salvataggio degli SmartParts nella libreria, ora viene automaticamente creata una rappresentazione isometrica dell'oggetto definito che viene impiegata come anteprima di selezione.
Nella funzione "SmartPart oscurante" - "Veneziana" ora sono selezionabili ulteriori tipologie.
Nella funzione "SmartPart porta, portone" - "Portone sollevabile" ora sono selezionabili ulteriori tipologie.
Nella funzione "SmartPart lucernario" ora sono selezionabili ulteriori tipologie.
La funzione "Trasferisci versione SmartPart" (per la conversione degli SmartParts delle versioni precedenti) ora considera anche gli SmartParts inclusi in un gruppo elementi.
Nell'editor SmartPart ora è possibile utilizzare il nuovo comando PIPE.

Presentazione

Allplan 2016 ora utilizza il motore di render CineRender versione R15.
Eseguendo un rendering con CineRender è possibile utilizzare il metodo di render "Ambient occlusion".
La funzione "Merge" oppure "Aggiungi" di CINEMA 4D consente di aggiornare il modello Allplan esistente.
Il rendering eseguito con il CineRender ora elabora correttamente tutte le tipologie di formati immagine.
Per renderizzare tutte le tipologie di luci, internamente viene impiegata l'opzione "Intensità fotometrica". Questa restituisce risultati realistici, in particolare, quando si utilizza la tipologia di luce "Area" per l'illuminazione degli interni.
Il tipo vista "RTRender" ora dispone della nuova impostazione "Modello bianco" per generare modelli effetto carta in modo estremamente semplice.
Il criterio di stop "Qualità" del tipo vista "RTRender" ora mostra l'avanzamento percentuale (invece del tempo); l'indicatore percentuale è più preciso.
Quando si interrompe il calcolo "RTRender" per eseguire altre operazioni, questa informazione viene indicata nella finestra del rendering.
I problemi di rappresentazione in animazione degli oggetti trasparenti sovrapposti sono stati risolti grazie all'impiego della libreria OpenGL 4.2 (ora vengono considerati fino a 32 strati sovrapposti).
Movimento fluido: se non è possibile muoversi nel modello con la frequenza di aggiornamento impostata nelle opzioni, la qualità di rappresentazione del modello viene ridotta.
Le textures ora possono essere importate direttamente dal browser via drag & drop nella palette "Aspetti". Le immagini possono essere utilizzate allo stesso modo anche nella palette "Ambiente".
Importando una texture via drag & drop, i pulsanti di destinazione ammessi vengono evidenziati in modo corrispondente nella palette "Aspetti".
Se una texture viene creata e salvata nella cartella ufficio, questa viene anche copiata automaticamente nel progetto corrente.
Le luci del progetto ora possono essere copiate e incollate singolarmente oppure in modo complessivo.
Quando si cambiano le luci, ora è anche possibile catturare i vertici delle luci area.
Ora è possibile cambiare in uno step unico le proprietà di più luci.
Se si definiscono delle telecamere con "Posiziona percorso camera", queste vengono immediatamente protocollate nella palette "Percorso camera".
Se si mantiene il nome file che compare nella palette "Registra film", ora appare un messaggio che richiede se il film esistente deve essere sovrascritto.
La precisione nel disegno del punto iniziale e finale degli archi di cerchio e delle spline di grandi dimensioni è stata migliorata.
L'aggiornamento delle sezioni associative complesse è stato accelerato per alcuni casi specifici (sezione dell'intero modello, macro 3D).
I nuovi elementi 3D (poligonali oppure con curve) vengono rappresentati anche nei tipi vista "Sketch" e "Hidden".
Le impostazioni per gli spigoli nascosti disponibili nella palette del tipo vista "Animazione" valgono anche per i nuovi elementi 3D.
Nelle "Opzioni" - "Vani" ora è possibile definire se le superfici di finitura devono essere considerate in tutti i tipi di vista oppure solo in quelle ombreggiate (hidden, animazione).
Gli elementi attivati ora vengono rappresentati nel colore di attivazione anche in tutti i tipi vista ombreggiati (hidden, animazione, sketch).
La visualizzazione degli elementi 3D complessi con archi e curve non viene più bloccata mediante tassellatura. La qualità viene incrementata step by step.
La funzione "Modello film" (menu "File" - "Importa") consente di importare e utilizzare i modelli film (*.FIL) salvati nelle versioni precedenti.

Ingegneria

Sezione lungo curva qualsiasi
Per la sezione lungo curva qualsiasi ora è possibile attivare e disattivare i quadri e i singoli elementi mediante un apposito filtro.
Nascondendo gli elementi viene mantenuta la posizione della sezione lungo curva qualsiasi.
Per la sezione lungo curva qualsiasi ora è disponibile una rappresentazione congelata oppure dinamica (associativa). Solo la sezione è referenziata al modello.
La sezione lungo curva qualsiasi può essere impiegata anche per i nuovi elementi 3D generali.
Il menu contestuale della sezione lungo curva qualsiasi è stato ampliato.
Nuova funzione "Quota sezione" per "Sezione lungo curva qualsiasi" (nel modulo "Infrastrutture ponti e gallerie" e nel menu contestuale).

Importa dati LandXML
Nuova funzione "Importa dati LandXML" (menu "File - Importa") per l'import dei punti terreno 3D e degli assi tracciato.
Gli assi tracciato vengono importati come giunzioni elemento.
Un quadro senza nome viene battezzato con il nome del file.

Attributi armatura BIM
Grazie al manager oggetti, ai posizionamenti dei tondini e delle reti ora è possibile assegnare attributi qualsiasi come, ad esempio, materiale, realizzato come elemento prefabbricato oppure gettato in opera, fase costruttiva, ecc..
Gli attributi vengono considerati durante l'export e l'import IFC.
Le armature contenute negli SmartParts non possono essere munite di attributi.
Le funzioni di modifica generali e specifiche per l'ambito ingegneristico sono state adattate.
Il menu contestuale degli elementi di armatura è stato ampliato.

Structural Analysis View
Nuova opzione di export "Structural Analysis View" nelle impostazioni di export IFC.
Vengono esportati gli elementi pilastro, trave a sporgere/a spessore, solaio/soletta, parete.
Report disponibile per gli elementi esportati.
Le aperture nelle pareti e nei solai/lastre ora vengono considerate durante l'export .